Giornata nazionale del vino Bianco – 3 agosto 2021

Storia della Giornata nazionale del vino Bianco

Le origini del vino risalgono a 7500 anni fa, in quello che oggi è noto come Iran. Gli esperti sono abbastanza sicuri che il vino è stato bevuto molto prima di questo, ma non ci sono prove reali per loro di puntare verso al momento. Dal 460 a. C.veniva consumato in Europa e il medico greco Ippocrate lo prescriveva come rimedio ad alcuni dei suoi pazienti.

Durante l’epoca romana, il vino era molto presente nei banchetti costosi ed era considerato un segno di prestigio. Furono i Romani che iniziarono a produrre versioni meno dolci del vino bianco mentre conquistavano nuovi territori nel Nord e coltivavano nuove terre. Furono anche i Romani a introdurre il concetto di bere vino fresco in estate e vino caldo in inverno, una pratica che molti seguono ancora oggi.

Il vino bianco alla fine divenne popolare in tutta Europa, il che portò a più vigneti in tutto il continente. Con il 16 ° secolo, che la popolarità si era diffusa nelle Americhe, con viti piantate in Messico, Perù, Bolivia, Argentina e Cile.

Champagne è stato creato nel 18 ° secolo e dal 19 ° secolo, era la bevanda di scelta per l’élite. Lo champagne viene prodotto solo nella provincia francese dello Champagne, un’area che ha un terreno unico grazie ai suoi paesaggi in pendenza.

Il 20 ° secolo ha visto le viti introdotte in nuovi luoghi e sviluppi tecnologici che hanno cambiato il processo di vinificazione in tutto il mondo. Una cosa, però, non è cambiata, ed è l’amore della gente per un bicchiere di vino bianco. Le origini della Giornata nazionale del vino bianco non sono chiare, ma conosciamo il modo migliore per festeggiare, e questo è con un bicchiere di roba buona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *