Big and brilliant: complex whale behavior legated to brain size

WASHINGTONWASHINGTON (Reuters) – Cetacei-balene e delfini-sono tra gli esseri più intelligenti. In termini di dimensioni del cervello, il capodoglio è in cima alla Terra, con un cervello sei volte più grande di quello di una persona.

E ora, gli scienziati hanno identificato differenze chiave tra i cetacei legati alle dimensioni del cervello. Uno studio di 90 specie di cetacei pubblicato lunedì ha rilevato che quelli con cervelli più grandi presentano una maggiore complessità nelle strutture e nei comportamenti sociali, con specie come l’orca e il capodoglio che aprono la strada.

“Le società di delfini e balene sono almeno complesse come quelle che abbiamo osservato nei primati”, ha detto la biologa evoluzionista Susanne Shultz dell’Università di Manchester in Gran Bretagna.

PUBBLICITÀ

“Sono estremamente giocosi, imparano l’uno dall’altro,hanno una comunicazione complessa. Un problema per capire justhow intelligenti sono è quanto sia difficile osservarli e capire il loro mondo marino. Pertanto, abbiamo solo un assaggio di ciò di cui sono capaci.”I ricercatori hanno creato un database completo di dimensioni del cervello, strutture sociali e comportamenti culturali tra le specie di cetacei. Il gruppo di specie con la più grande dimensione del cervello rispetto alle dimensioni del corpo era i grandi delfini simili a balene come la balena assassina, la falsa balena assassina dall’aspetto simile e la balena pilota, ha detto Shultz.

“Le orche hanno preferenze alimentari culturali, hanno matriarche che guidano e insegnano ad altri membri del gruppo e cacciano in modo cooperativo”, ha detto Shultz.

In termini di preferenze alimentari intra-specie, alcune popolazioni killerwhale, note anche come orche, preferiscono il salmone mentre altri preferiscono foche o altre balene o squali a seconda della cultura del loro gruppo.Anche altri cetacei dal cervello grosso dimostrano comportamenti sofisticati.

I capodogli madri organizzano compiti di babysitter usando altri membri del loro pod per proteggere i loro piccoli mentre vanno a caccia di cibo in profondità. Le vocalizzazioni distintive che i capodogli usano per comunicare a volte differiscono a seconda di dove vivono, proprio come i dialetti regionali nel linguaggio umano.

I delfini tursiopi usano spugne di mare come strumenti per proteggere i loro becchi mentre vanno alla ricerca di cibo e vivono in comunità strutturate.

Alcuni dei più grandi cetacei-balenottere che alimentano filtri come la balenottera azzurra, la balenottera comune e la megattera che mangiano piccoli crostacei chiamati krill piuttosto che pesci o calamari-erano nella fascia bassa delle dimensioni relative del cervello. Vivono vite abbastanza solitarie, riunendosi solo per le stagioni riproduttive e vicino a ricche fonti di cibo.

PUBBLICITÀ

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Ecology& Evolution.

(Segnalazione di Will Dunham; Modifica di Sandra Maler)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *